Il Playout per automazioni Openlogic, è il frutto di una continua evoluzione che poggia sull'esperienza acquisita in tanti anni di sviluppo. Infatti, seppur nel corso degli anni abbia cambiato il proprio look e abbia implementato nuove ed interessanti novità, la struttura di base del playout èrimasta sempre quella originaria, dando così ulteriori garanzie in termini di robustezza ed affidabilità. La semplicità di utilizzo e l'immediatezza dell'interfaccia grafica, rendono questo prodotto davvero unico nel suo genere.

Queste alcune delle principali funzioni:

  • Controllo dei programmi in palinsesto attraverso i classici comandi di trasporto (Play, Pausa, Stop, Stop differito, Skip);
  • Visualizzazione completa del flusso in uscita, mediante countdown ed elapsed relativo al programma On-Air, indicatori di stato circa le impostazioni attive (tampone, gestione titolazione, GPI, Server Device per controllo matrici), indicazione del ritardo/anticipo sul programmato, indicatore prossimo evento, anche di quello ad ad orario forzato

  • Possibilità di trim al volo sui files programmati;
  • Gestione canale tampone (per sopperire a mancanza file o a vuoti di programmazione)

  • Compilazione automatica del diario di stazione, ad uso garante;
  • Gestione LIVE;
  • Gestione grafica di canale;
  • Generazione e controllo loghi stazione;

Playout è oggi in grado di gestire due differenti tipologie di schede di uscita: assieme all'intramontabile scheda con decodifica MPEG-2 hardware, Playout è in grado di gestire la gran parte delle nuove schede basate su tecnologia DirectShow(Blackmagic(C), Aja Video systems(C), BlueFish 444(C), ecc.); e questo, grazie anche alla sua struttura scalabile, che prescinde dall'uso e dalla tipologia della scheda gestita. In questo secondo caso, ovviamente, non c'è alcuna limitazione di formato: a seconda della configurazione e dei codecs installati, infatti, sarà possibile gestire la quasi totalità dei formati video oggi esistenti.

Playout integra, inoltre, una potente titolatrice di canale, per gli usi più comuni (ticker, clock, banner, gif); per esigenze maggiori, comunque, è possibile la gestione e la piena integrazione con i sistemi di titolazione ClassX(C).